13 dicembre 2016

Sostegno alle lavoratrici e ai lavoratori sardi della TIM TelecomItalia questa mattina in corteo a Cagliari per lo sciopero nazionale proclamato da tutte le sigle sindacali

 
Il piano di riorganizzazione voluto dal nuovo amministratore delegato – prevede esclusivamente dei tagli, la riduzione dei costi del personale e, soprattutto, una perdita di tutele con la disdetta unilaterale dell’accordo di contrattazione di II livello per i dipendenti, nel momento in cui è scaduto da ormai due anni anche il contratto di settore.
Il Consiglio regionale non può che sostenere le ragioni delle lavoratrici e  dei lavoratori che temono a seguito alla riorganizzazione aziendale eventuali ricadute occupazionali e una riduzione della qualità del servizio. Seguiremo l’evolversi della situazione con l’impegno di rivederci a breve insieme alla Conferenza dei capigruppo.