27 novembre 2015

Presentazione del 14° volume degli Acta Curiarum: Il parlamento dei vicerè Antonio Colonna Conte di Elda (1602-1603)


Buon pomeriggio a tutti e ben trovati,
porto il saluto mio personale e quello del Consiglio regionale a questa giornata dedicata alla presentazione di un nuovo volume della Collana degli Atti dei Parlamenti sardi.
Saluto in particolare gli illustri ospiti, il prof. Diego Quaglioni dell’Università di Trento, il prof. Giulio Fenicia dell’Università di Bari e il prof. Giuseppe Doneddu, che ringrazio per il lavoro svolto come curatore del volume che presenteremo oggi, dedicato agli Atti del Parlamento del viceré Antonio Coloma Conte di Elda (1602-03).
Questa nuova pubblicazione rappresenta un’altra fondamentale tappa di un percorso lungo e impervio che mi auguro possa portare al completamento di un progetto, nato nel lontano 1983 per volontà del Consiglio regionale che decise come sapete di realizzare uno studio critico e di pubblicare gli Acta Curiarum del Regno di Sardegna che coprono un arco temporale che va dal 1355 al 1847.
Ringrazio per questo il Comitato scientifico e la segreteria organizzativa, in particolare l’On. Cossa che ha coordinato la segreteria scientifica.
Esprimo tutta la mia soddisfazione per questo nuovo risultato, frutto di un lavoro imponente e prezioso che andrà ad arricchire il nostro progetto che punta a ricostruire una parte importante della nostra storia e che prosegue nel percorso già tracciato con grande rigore storico e scientifico.
L’obiettivo della Collana, e le numerose richieste che in questi mesi abbiamo ricevuto dimostrano l’interesse e la curiosità da parte dei cittadini, è quello di mettere a disposizione di tutti, non solo di studiosi e accademici ma anche di tutte quelle persone che intendono approfondire la materia, gli Atti dei Parlamenti Sardi perché convinti che ogni pezzo della nostra storia serva a ricostruire la piena identità del popolo sardo.

Consentitemi, in conclusione, di rivolgere anche in quest’occasione un pensiero speciale all’Onorevole Emanuele Sanna che nel 1984 come presidente del Consiglio regionale, in occasione della presentazione del I°volume degli Atti dei Parlamenti Sardi, sottolineò un aspetto oggi di stretta attualità, ovvero quanto la consapevolezza della nostra storia potesse favorire una proiezione utile sui problemi e le attuali esigenze della nostra comunità.
L’augurio che rivolgo a tutti noi è quello di arrivare al completamento della pubblicazione dell’intera collana entro la fine di questa legislatura.
L’impegno c’è da parte di tutti.