Si tratta di aziende che hanno maturato nel corso degli anni una notevole esperienza e professionalità e che hanno operato ed operano presso gli stabilimenti industriali del territorio con risultati riconosciuti e apprezzati dai diversi committenti. Le imprese del territorio si sono viste infatti superare da realtà della penisola che si sono aggiudicate i lavori, spesso grazie a notevoli ribassi.
Questo le penalizza gravemente dal punto di vista economico e crea inevitabili ripercussioni anche dal punto di vista occupazionale e sociale. Ritengo che situazioni come quelle segnalate non rappresentino il miglior biglietto da visita in vista della firma di un’intesa così importante per il territorio.
Tutto questo avviene in un contesto nel quale si continuano a subire i disagi legati ai ritardi nell’avvio dei lavori di bonifica Eni Syndial della zona industriale di Porto Torres.
Gli effetti economici e sociali del perdurare di questa situazione sarebbero oltre modo negativi per il territorio del nord Sardegna, già gravemente colpito dalla crisi economica in atto.