La capigruppo, a conclusione dell’incontro, ha quindi predisposto un documento unitario, indirizzato all’assessorato dell’Ambiente e amministratore straordinario dell’ex provincia Carbonia-Iglesias, con l’auspicio che si proceda con la convocazione della conferenza dei servizi entro dicembre che senza un esito definitivo e positivo vanificherebbe il progetto di ripresa produttiva che prevede, per gli impianti di Portovesme, investimenti per circa 200 milioni di euro e un’occupazione diretta di oltre 350 lavoratori.