Blog

qui puoi trovare tutti gli articoli pubblicati in home page nel 2016

 

5 dicembre 2016

Referendum costituzionale: la partecipazione è un buon segno per la democrazia, il dato elettorale è inequivocabile ma non credo influisca sugli assetti attuali del Governo regionale se non in termini di rilancio dell’azione della Giunta

È un risultato clamoroso che certifica, in primo luogo, la grandissima partecipazione degli italiani al voto e questo è senza dubbio un buon segno per la nostra democrazia, la partecipazione è sempre positiva. Il risultato è inequivocabile, c’è una prevalenza nettissima degli elettori che ha deciso che la Costituzione non si modifica, un dato del quale bisognerà prendere atto. In Sardegna ha influito molto la preoccupazione per una presunta limitazione dell’autonomia, anzi addirittura per una cancellazione dell’autonomia come è stata ventilata, ipotesi che nei fatti non è mai esistita, però credo che questo aspetto abbia influito molto nella valutazione. Il referendum è stato proposto dal Governo e votato dal parlamento e credo che il risultato in Sardegna non comporti cambiamenti negli assetti attuali, se non in termini di rafforzamento della squadra di governo, intervento già programmato per il rilancio dell’azione della Giunta.

 

 

 

1 dicembre 2016

Oggi, 1 dicembre, è la Giornata mondiale di lotta contro l’AIDS.

Credo sia doveroso, in apertura dei lavori di quest’Aula, ricordarlo anche per l’alto valore simbolico che questa giornata continua ad avere, nonostante negli ultimi trent’anni i risultati positivi hanno trasformato quella che era una condanna a morte in una malattia cronica gestibile – almeno per chi segue il trattamento e ha la fortuna di accedere alle cure. Eppure oggi più di ieri è necessario non abbassare la guardia.
È di soli pochi giorni fa la stima del Centro Europeo di Controllo delle Malattie e dell'Oms Europa, secondo la quale nel nostro Continente ci sono almeno 122mila persone sieropositive che non sanno di esserlo, circa uno su sette del totale degli infetti. Secondo il rapporto, nel 2015 ci sono state 30mila nuove notifiche di casi, ma nonostante il numero sia in linea con le cifre stimate negli ultimi anni, ciò che deve preoccupare è il tempo stimato fra l'infezione e la diagnosi, circa quattro anni, un lasso di tempo troppo alto con metà dei pazienti che scopre di essere sieropositivo quando l'infezione è in fase avanzata. L'Hiv continua ad essere una minaccia considerato che una persona su sette non sa di essere infetta. Queste persone non hanno accesso alle terapie salvavita e possono continuare a trasmettere il virus agli altri. Da un’indagine condotta dalla Lila, la Lega italiana lotta contro l'Aids, il 20 per cento degli studenti delle scuole cagliaritane, soprattutto tra i 16 e i 18 anni, dichiara di non avere rapporti protetti. È necessario dunque continuare o forse addirittura riprendere a fare prevenzione, perché ci siamo dimenticati del’esistenza di un’infezione che si trasmette per via sessuale e che andrebbe invece riconosciuta precocemente. Credo sia anche questo il compito delle Istituzioni che rappresentiamo, informare e ricordare che di AIDS purtroppo si muore ancora troppo, a distanza di 33 anni dall’individuazione del virus..

 

 

 

25 novembre 2016

Alla società sarda Veranu il premio “Green Pride”

Questa mattina con Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della Fondazione Univerde, abbiamo consegnato ai giovani imprenditori della società sarda Veranu il premio “Green Pride” per l’ideazione e la produzione della mattonella che produce energia dai passi. Veranu è un orgoglio per la nostra terra, l'augurio è quello di un’applicazione massiccia dell’innovativo quanto semplice sistema di conversione dei passi in energia elettrica.

 

 

 

24 novembre 2016

Il Cagliari Calcio nell'Aula consiliare per celebrare la vittoria dello scorso campionato di serie B

Il Cagliari Calcio nell'Aula consiliare per celebrare la vittoria dello scorso campionato di serie B che ha consentito di ritornare, dopo un solo anno, nella massima serie.
Lo abbiamo fatto aprendo le porte del Parlamento sardo, così come abbiamo fatto per celebrare la vittoria della Dinamo Basket e l'Amsicora hochey su prato, nella convinzione che le eccellenze nello sport siano un valore aggiunto per la nostra Regione.

 

 

 

22 novembre 2016

Doppia preferenza di genere: una battaglia che sostengo da tempo e per la quale sono pronto a confrontarmi

Non solo sostengo e ritengo essenziale la battaglia sulla doppia preferenza di genere, ma sono pronto a confrontarmi nel merito con l’associazione “Meglio in due”.Ho sempre ritenuto che l’attuale legge elettorale sia “una vera schifezza” sotto tutti i punti vista, nello specifico la parte relativa alla doppia preferenza di genere, norma inserita in bozza e cancellata a voto segreto che ha avuto come conseguenza la presenza in aula di sole quattro donne.Come è noto proprio di recente il Consiglio regionale ha approvato all’interno delle legge relativa alle “Norme sulla qualità della regolazione e di semplificazione dei procedimenti amministrativi”, un articolo specifico che ha come unico obiettivo quello di introdurre, anche a livello regionale, importanti azioni per le pari opportunità di genere.