Chi sono

Sono nato a Sassari 62 anni fa, dove ancora oggi vivo con mia moglie e mia figlia.

Sono un medico cardiologo, responsabile del Servizio di emergenza territoriale del 118 per le province di Sassari, Nuoro.
Dal 20 marzo 2014 ho l'onore di presiedere il Consiglio Regionale della Sardegna. La passione per la medicina mi ha fatto intraprendere la strada della formazione e della ricerca nel campo della cardiologia e della medicina d’urgenza. Ho preso parte a studi e ricerche che spero abbiano contribuito a migliorare la gestione dell’emergenza sanitaria e la formazione degli operatori in Sardegna, soprattutto nell’ambito delle pratiche della rianimazione cardiopolmonare, insegnate con appositi progetti a oltre mille tra volontari del soccorso, infermieri e medici.

Nel 2009 sono nominato dall’Unicef Difensore ideale dell’Infanzia, in occasione del 20° Anniversario della Convenzione internazionale dell’infanzia e dell’adolescenza.

Il mio impegno politico e civile inizia da studente, per proseguire come presidente dell’Arci provinciale di Sassari dal 1983 al 1990 e come consigliere comunale della mia città dal 1995.

Nel 2005 sono stato scelto dai miei concittadini per fare il sindaco di Sassari, fiducia che mi è stata riconfermata nel 2010 per il secondo mandato. Amministrare la mia città è stata un'esperienza straordinaria, un'occasione unica per contribuire allo sviluppo e alla crescita di una città ricca di cultura, storia e tradizioni.

Il 30 marzo del 2012 sono stato eletto Presidente del Consiglio delle Autonomie Locali della Sardegna, incarico che ho ricoperto sino alla mia elezione in Consiglio regionale.

Metto in politica la stessa passione con cui ho sempre cercato di curare la vita delle persone. Una passione finora ripagata dai risultati e dalla consapevolezza di essere sempre stato dalla parte dei cittadini e delle cittadine, degli anziani e dei ragazzi, di chi ama la Sardegna e non vuole arrendersi.

Fare politica per me vuol dire mettersi al servizio della nostra Sardegna per cambiarla, per aprirla alle persone e ai bisogni di tutti i territori che compongono e rendono viva la nostra regione.

Ritorna alla Home