10 febbraio 2017

10 febbraio: giorno del ricordo per non dimenticare le vittime delle foibe

Oggi giorno del ricordo per non dimenticare le vittime delle foibe, contro ogni tipo di  violenza e per rafforzare la  democrazia.

 

 



Oggi giorno del ricordo
per non dimenticare le vittime delle foibe,
contro ogni tipo di violenza
e per rafforzare la  democrazia

 

 

 

 

 

 

 

8 febbraio 2017

Doppia preferenza di genere, rappresentatività politica e democraticità, sono le principali esigenze a cui rispondono le ipotesi di modifica della legge elettorale statutaria

Avevo preso l’impegno di definire una proposta che colmasse una lacuna inaccettabile dell’attuale legge elettorale costituita dall’assenza di misure incisive che rendano finalmente effettiva la rappresentanza di entrambi i generi. Con l’introduzione della doppia preferenza di genere e cioè la possibilità per l’elettore di esprimere due preferenze, una per il candidato donna e una per il candidato uomo, introduciamo l’unico strumento realmente in grado di garantire una congrua presenza di entrambi i generi nell’Assemblea rappresentativa della Sardegna, perché la sola garanzia della presenza nelle liste - che nella proposta di modifica portiamo al 50 per cento - non è da sola uno strumento sufficiente.

1 gennaio 2017

Crisi prezzo del latte. Il Presidente Ganau e la Conferenza di Capigruppo incontrano la delegazione della Coldiretti

 Manifestazione Coldiretti per la crisi del prezzo del latte. Cagliari 1 febbraio 2017 
«Il Consiglio regionale è consapevole della crisi vissuta dal mondo delle campagne. E’ una situazione disastrosa alla quale vanno date risposte immediate. Abbiamo ascoltato con attenzione le osservazioni provenienti dai pastori, sono certo che l’Aula saprà trovare una soluzione adeguata». 
Lo ha detto il presidente del Consiglio Gianfranco Ganau al termine dell’incontro della Conferenza dei Capigruppo con la delegazione della Coldiretti.

I rappresentanti dei pastori, anche con toni decisi, hanno chiesto al Consiglio di valutare alcune modifiche alle soluzioni individuate dalla risoluzione approvata la scorsa settimana dalla Quinta commissione del Consiglio regionale. «Vanno bene gli interventi strutturali e gli incentivi sul credito – hanno detto il presidente e il direttore di Coldiretti Battista Cualbu e Luca Saba – adesso però va affrontata l’emergenza. Le aziende hanno bisogno di liquidità, il Consiglio valuti il ricorso al de minimis». Con i rappresentanti di Coldiretti c’erano anche alcuni sindaci che hanno partecipato alla manifestazione di questa mattina. 

Tutti hanno ribadito la necessità di intervenire in aiuto del settore ovicaprino, asse portante dell’economia isolana. «Se non si interviene subito – hanno detto i primi cittadini – le conseguenze saranno disastrose sul piano sociale».

In serata il Consiglio regionale ha approvato a maggioranza la risoluzione della V Commissione la n.20 sulla grave situazione che sta attraversando il settore lattiero-caseario ovicaprino regionale.

 

 

27 gennaio 2017

Chi dimentica la storia è destinato a riviverla

 

In occasione della Giornata della Memoria la Presidenza del Consiglio regionale della Sardegna, insieme all'Assessorato della Pubblica Istruzione della Regione Sardegna ha presentato il progetto i "Viaggi della Memoria",
iniziativa rivolta direttamente ai giovani che sin dall’inizio di questa legislatura abbiamo scelto di sostenere.

Sono convinto che si tratti di un utilissimo investimento in civiltà, grazie al percorso educativo e formativo che io stesso, qualche anno fa, ho avuto modo di seguire, quando da sindaco ho deciso di partire a Cracovia insieme ai ragazzi di Sassari.

È stata un’esperienza unica, intensa e coinvolgente che tutti dovrebbero avere la possibilità di vivere. I giovani che partecipano ai viaggi diventano i nuovi testimoni dell’Olocausto e preziosi custodi della memoria, importante antidoto sociale.

Dal 2012 l’associazione Arci Sardegna promuove “I Viaggi della Memoria”,  progetto educativo che parte dalla memoria storica dell’Olocausto per tentare di approdare a dei percorsi di cittadinanza attiva.
In sei edizioni, oltre 400 ragazze e ragazzi sardi, di età compresa tra i 18 e i 25 anni, grazie al contributo delle pubbliche amministrazioni della Sardegna, hanno partecipato all'iniziativa che prevede un corso di formazione storica, il viaggio nella città di Cracovia con la visita al ghetto ebraico, la Fabbrica di Oskar Schindler, il campo di sterminio di Auschwitz – Birkenau e infine il percorso di restituzione presso i propri comuni di appartenenza.

Nato nel 2005, il Treno della Memoria, ha visto in dodici anni la partecipazione di circa 20 mila giovani provenienti da tutta Italia, che sono tornati da questa esperienza più maturi, più critici e più interessati alle problematiche della realtà che li circonda.

Diciannove i comuni sardi che quest’anno hanno scelto di sostenere l’iniziativa: Arbus, Banari, Capoterra, Fonni, Gavoi, Gonnesa, Guspini, Iglesias, Lodine, Masainas, Olzai, Oniferi, Orani, Pabillonis, Sarule, Sassari, S. Antioco, Silius e Villamassargia.

 

 

20 gennaio 2017

Antonio Gramsci nell' 80° della morte

 

Antonio Gramsci nell' 80° della morte, intervista al Presidente Gianfranco Ganau sull' attualità del pensiero del filosofo sardo.

 

 

20 gennaio 2017

Antonio Gramsci nell' 80° della morte (1891-1937)



Oggi in Consiglio regionale il convegno "Antonio Gramsci nell' 80esimo della morte" insieme al sindaco Massimo Zedda, i professori Aldo Accardo, Aldo Maria Morace e Mauro Pala, con gli studenti del Liceo Classico Dettori.

Con grande orgoglio e vero piacere la Presidenza del Consiglio ha accolto l'invito di promuovere questo importante incontro che spero sia il primo di una serie di iniziative che nel 2017 ci porteranno a riflettere e confrontarci con il pensiero di Antonio Gramsci, prima della conclusione di quello che è stato proclamato dalla Regione Sardegna come l’anno Gramsciano.







Il mio intervento al convegno su Antonio Gramsci

Galleria fotografica